Confartigianato Napoli a difesa della vera sartoria della My bella Napoli
16 novembre 2018
Pub Il Cantiere, finisce i lavori, riapre pubblico garantendo la giusta offerta
23 novembre 2018

Il 25 novembre tutti riuniti alle catacombe di S. Gennaro per i giovani del rione Sanità

Di Eugenio Fiorentino. Domenica 25 novembre alle 18:30, nella Basilica di Santa Maria della Sanità, appunto nell’omonimo quartiere di Napoli, si terrà un incontro di “condivisione e preghiera”, promosso dai laici e sacerdoti firmatari del Patto della Catacombe Fondazione di Comunità San Gennaro Onlus, appoggiati da: La Paranza Onlus, il Millepiedi, Officina dei Talenti, il Grillo Parlante, Nuovo Teatro Sanità, Apogeo Records, la Casa dei Cristallini, Sanitansamble, Tutti a scuola Onlus, dalle educative territoriali e dalla rete commercianti del Rione Sanità.

Questa grande unione e collaborazione di tutto il quartiere è creata per opporsi al dover rinnovare la convenzione per la gestione delle catacombe che prevede di dare al Vaticano il 50% degli incassi (intorno ai 700milaeuro). Dover consegnare questa ingente cifra al Vaticano, sarebbe paragonabile a un porre fine ad un’esperienza che ha rappresentato una svolta di vita a tanti giovani coinvolti nel progetto.  Quest’ultimo che eccelle con La Paranza Onlus è la vera forza motrice che spinge per far si che tutto resti nelle mani dei cittadini e soprattutto ragazzi del quartiere e che soprattutto non si debba restituire nessuna percentuale tratta dagli incassi, poiché quella somma è fondamentale per offrire tanto ai giovani del quartiere.

Ecco perché si cerca la coesione di tutta la città in aiuto del quartiere della Sanità poiché se per davvero la Cooperativa dovesse restituire questa fatidica percentuale molti giovani del quartiere si ritroverebbero senza più la guida della preziosa Onlus. Il che sarebbe drammatico dato che essa ha ridato luce e speranza a giovani che vivono una realtà già abbastanza e troppo difficile, simboleggiando una svolta positiva per chiunque fosse coinvolto nel progetto. Si prova a coinvolgere e attirare chiunque per rivendicare i propri diritti, quali non dover restituire ciò che è proprio e non spetta a nessun altro. Quindi c’è tant’altra partecipazione artistica infatti all’evento a cui chiunque voglia partecipare è invitato sarà allietato dall’orchestra giovanile Sanitansamble che suonerà durante la serata non solo con la sua musica ma chiunque musicista, voglia della città, professionista o dilettante, è invitato ad unirsi alla splendida orchestra, creando un altissimo momento di condivisione senza precedenti. Perciò, ribadisco  l’appuntamento, questa domenica alle ore 18:30 dinanzi alla Basilica di Santa Maria della Sanità la città intera si riunisce per mostrare il suo sostegno e il suo appoggio al quartiere Sanità circa gli sforzi fatti negli anni per i propri giovani ed i fatti degli ultimi giorni.